Roberto Benigni e la moglie minacciano di querelare Report

In Real Biz
Roberto Benigni e la moglie minacciano di querelare Report - Real Paparazzi 1

Anche Roberto Benigni si aggiunge alla lista di quelli che diffidano Report. Il regista premio Oscar assieme alla moglie Nicoletta Braschi hanno contattato l’ufficio legale del programma targato Rai3 per disinnescare un’inchiesta che li riguarda e che è andata in onda ieri sera. In caso di trasmissione di altri contenuti diffamatori, si provocherebbe il ricorso immediato all’autorità giudiziaria.

E il servizio di Report su CineCittà, Roberto Benigni e i suoi Umbria Studios è andato in onda, i contenuti (secondo Benigni e la Braschi, diffamatori) sono stati trasmessi, a quando le reali querele? Il servizio ha scatenato un putiferio, tutti i giornali ne parlano e anche alcuni politici non hanno perso tempo per esprimere la loro opinione.

Primo fra tutti Alessandro Di Battista, leader del Movimento 5 Stelle che con un post su Facebook ha sfogato la sua indignazione.

Ma avete visto Report? In pratica anni fa lo Stato vende ai privati Cinecittà Studios. I privati l’avrebbero dovuta rilanciare. E invece l’hanno affossata. E, secondo Report, l’hanno affossata anche per essersi presi alcuni debiti degli studi “Papigno”, quelli di Roberto Benigni e di sua moglie Nicoletta Braschi. Oggi Cinecittà Studios se la passa male (pare oltre 32 milioni di euro di debiti con il gruppo guidato da Abete, De Laurentiis e Della Valle che dovrebbe pagare anche affitti arretrati). Tra l’altro quanti sono i film finanziati da fondi statali o europei che neppure sono stati realizzati? Comunque che succede adesso? Che sempre lo Stato – quindi NOI – si sta ricomprando Cinecittà. E a che prezzo? Sono sempre loro, Abete, Benigni, il PD della riforma costituzionale “stranamente” sostenuta dal premio oscar toscano. Quanti soldi ci rimettiamo tutti noi? E a che pro? Il cinema italiano è stato rilanciato o vengono “rilanciati” sempre i soliti noti? Per rilanciare il cinema è necessario sbattere fuori la politica, a cominciare dal PD, quella “peste rossa” che ha distrutto tutto quel che ha toccato. E solo grazie al Popolo italiano non è riuscita a distruggere la Costituzione.

Con il servizio “Che Spettacolo!” Report spiega che: “I leggendari studi cinematografici di Cinecittà cadono a pezzi nel degrado e hanno accumulato debiti per oltre 32 milioni. Come siamo arrivati a questo, in una realtà che è stata gestita da super manager come Luigi Abete, Diego Della Valle e Aurelio De Laurentiis? Anche Roberto Benigni è uno che ha investito del suo, ma quando le cose si sono messe male è riuscito a sfilarsi. Cinecittà invece pare che ce la dovremo ricomprare noi contribuenti.”

Qui il link al video del servizio.

For more news and gossip:
http://www.youtube.com/realpaparazzi

Like us on Facebook:
http://www.facebook.com/realpaparazzi

Follow us on Twitter:
https://twitter.com/real_paparazzi

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Mobile Sliding Menu

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: